2014 | Esposto contro l'operato dei Comparatori di polizze online

Uea denuncia i comparatori

Presentato ufficialmente il ricorso all'Antitrust contro le pratiche commerciali scorrette dei siti comparativi.
E all'indomani della pubblicazione dei risultati dell'indagine Ivass, Il Sole24Ore ricorda che è stata Uea a lanciare per prima l'allarme sul loro operato

A conclusione dell'anno dedicato alla Campagna contro la disintermediazione del servizio assicurativo – costellato da numerosi articoli, report e convegni a cui hanno partecipato illustri esponenti di Mise, Ivass, Antitrust e Ania – il 27 novembre 2014 l'Unione Europea Assicuratori ufficializza l'invio di un formale esposto all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro le cattive pratiche commerciali dei comparatori di polizze on line.

Pochi giorni prima un'indagine Ivass sull'operato dei siti comparativi corroborava le tesi portate avanti da oltre un anno e mezzo dall'Associazione che - come riconosciuto anche da Il Sole24Ore nell'articolo “Quell'allarme sulle polizze online lanciato un anno fa” (http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-11-24/quell-allarme-polizze-online-lanciato-anno-fa-164712.shtml) - ha assunto un ruolo pionieristico in questa battaglia in favore dei diritti dei consumatori e di un mercato sano e regolato.

Uea rileva con particolare soddisfazione anche la mobilitazione delle associazioni dei consumatori che, a seguito dell'inchiesta del Regulator, hanno addirittura chiesto di “oscurare le pagine web dei siti denunciati almeno fino a che l'istituto non potrà verificare la correzione delle criticità emerse” (Codacons). Per Konsumer Italia l'Ivass “la bocciatura è totale” e il fatto di aver “scoperchiato il pentolone ingannevole delle false comparazioni” fa sì che “i consumatori non possono stare tranquilli”.

Il ricorso inviato all'Agcm verte su un'ampia e documentata serie di fattispecie, di seguito un breve accenno ad alcuni degli aspetti più rilevanti:

il “risparmio” promesso e pubblicizzato non cita il termine di paragone rispetto al quale tale risparmio andrebbe calcolato.

- non è chiaro il rapporto che lega questi soggetti alle compagnie di assicurazione. Questa omissione pregiudica la conoscenza che il consumatore deve avere rispetto a potenziali conflitti di interesse, come rilevato da EIOPA nelle linee guida elaborate sui comparatori web di prodotti assicurativi (http://eiopa.europa.eu/fileadmin22.tx_dam/files/publications/reports/Report_on_Good_Practices_on_Comparison_webistes.pdf). - molti comparatori rimarcano la gratuità del loro servizio, precisando che il premio di polizza non viene gravato da commissioni, ma questo contrasta con il fatto che questi soggetti si qualifichino come broker e siano iscritti alla sezione B del Rui.

Roberto Conforti, presidente Uea, ha così commentato: “Uea non ha pregiudizio alcuno nei confronti di chi intermedia in concorrenza con gli Agenti, ha invece un chiaro e forte pregiudizio nei confronti di chi si improvvisa, abusivamente, intermediario assicurativo o previdenziale, proponendosi, inopinatamente, quale gestore professionale di rischi altrui (pensione, risparmio, vita, sanità, infortuni e quant'altro) forte solo della sua ignoranza - che coltiva con cura non avendo obblighi formativi - e della sua illegalità che alimenta fingendosi sempre un tertium genus non tenuto al rispetto delle regole e delle leggi vigenti. Questa è la posizione ufficiale, ferma ed irremovibile, di Uea”.


Questo Sito utilizza cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Se desideri avere maggiori informazioni, puoi consultare la "cookie policy".
Facendo clic su "Accetto", se accetti il nostro utilizzo di cookie. Accetto